JUS CIVILE
Rivista a cura di Rosalba Alessi, Carmelita Camardi, Massimo Confortini, Carlo Granelli, Mario Trimarchi
home

Attilio Gorassini

Il cibo come bene comune. Periplo di una recente legge con tentativo d’approdo

Sommario: 1. Il nuovo orizzonte dello scarto alimentare dopo la legge 166/2016. – 2. Le finalità della legge e la natura del come bene/cosa ad essenza duale. La donazione del cibo come . – 3. Il potere-dovere dei donanti e il dovere-potere dei donatari. Terzo settore e bene comune. – 4. Per una conclusione provvisoria. Verso il benessere come bene-essere comune. Oltre il del come del rifiuto del Soggetto.

Antonio Gambaro

Consonanze e dissonanze nelle fonti dell’istituzione proprietaria

Sommario: 1. Premesse. – 2. Alcuni postulati. – 3. Il quadro delle principali differenze testuali del blocco costituzionale italiano ed europeo in tema di proprietà. – 4. Gli intrecci tra proprietà costituzionale e proprietà civilistica. – 5. Consonanza e dissonanza tra proprietà civilistica e proprietà costituzionale nel quadro delle costituzioni flessibili. – 6. Le traslazioni di senso tra fonti “civilistiche” e fonti costituzionali nell’ambito delle costituzioni rigide. – 7. Convergenze tra modelli costituzionali apparentemente diversificati. – 8. Consonanze di approcci, temi e problemi: alcune sottolineature. – 9. La dissonanza della Corte EDU.

Oberdan Tommaso Scozzafava

I "beni comuni"

Sommario: Introduzione. – 2. Beni comuni e art. 43 della Cost. – 3. Beni comuni e art. 714 del code. – 4.Beni comuni e proprietà collettiva. – 5. Analisi economica e beni comuni. – 6. Il problema dei beni comuni.

Stefano Carabetta

La tutela della proprietà e del credito nella giurisprudenza della Corte EDU. Problemi di inquadramento giuridico

Sommario: 1. Premessa: la proprietà variabile. – 2. Il ruolo della Corte Europea dei diritti dell’uomo nella costruzione della nuova situazione giuridica proprietaria. – 3. Il concetto ampio di bene alla luce della giurisprudenza della Corte EDU. – 4. Proprietà e credito tra diritti assoluti e diritti relativi. – 5. L’autonomia concettuale del diritto convenzionale; la proprietà come titolarità di altre situazioni giuridiche soggettive.

 

Ugo Salanitro

Tutela delle coste e pluralità di vincoli: lo sguardo del civilista. L’incidenza del diritto europeo, dalla direttiva a tutela degli habitat al principio CEDU sulla proprietà

 

Lorenzo Albertini

L’opera elaborata e la questione della sua titolarità

Sommario: 1. Introduzione. Le opere plurisoggettive (o soggettivamente complesse) in generale. – 2. Le opere elaborate (o derivate). – 3. Il triplice possibile rapporto tra l’opera originaria e quella derivata. – 4. La titolarità della opera elaborata: comunione tra autore dell’opera originaria ed elaboratore. – 5. La titolarità della opera elaborata: comunione o regime dell’opera composta. – 6. (segue) la titolarità della opera elaborata: comunione o regime dell’opera composta. – 7. La titolarità, invece, spetta solamente all’elaboratore. il consenso dell’autore dell’opera originaria non rileva ai fini della nascita del diritto su quella elaborata. – 8. Il consenso dell’autore dell’opera originaria non costituisce requisito non solo per la nascita del diritto su quella elaborata, me nemmeno per la tutela di questa. – 9. Trattasi di “atto lecito dannoso”? – 10. Ancora sull’interpretazione del concetto “senza pregiudizio dei diritti …”, posto dall’art. 4 l. aut. conclusione sul punto della titolarità esclusiva in capo all’elaboratore. – 11. Spunti traibili dalla disciplina proprietaria delle accessioni. – 12. In particolare, delle regole sulla specificazione. – 13. Spunti anche dalla disciplina dei brevetti dipendenti. – 14. (segue) applicabili al diritto di autore. – 15. Cenni sul regime dell’opera elaborata. – 16. L’autorizzazione dell’autore dell’opera originaria. – 17. Obbligo di menzione dell’opera originaria? – 18. Le ulteriori elaborazioni (dell’opera originaria e di quella elaborata).

 

Camillo Verde

Limiti alla disponibilità dei beni d’uso civico oggetto di conciliazione

Sommario: 1. Premessa – 2. La fattispecie concreta, la controversia ed il verbale di conciliazione. – 3. Rilievi critici e connesse formalità pubblicitarie. – 4. Il procedimento di conciliazione: natura, oggetto ed effetti. – 5. L’atto conciliativo: natura, oggetto ed effetti. – 6. Prime riflessioni in ordine alle problematiche evidenziate. – 7. Il fabbricato e la sua peculiare disciplina rispetto all’atto conciliativo. – 8. La qualitas soli oggetto specifico ed assorbente della litiscontestatio. – 9. Le fonti normative di rilevanza giuridica del fabbricato rispetto al terreno e la loro incidenza sull’assetto civico del territorio. – 10. Il principio civilistico dell’accessione e la sua operatività prima e dopo l’atto conciliativo. – 11. Sulle formalità pubblicitarie. – 12. La funzione dell’inte¬grazione del prezzo nel negozio conciliativo. – 13. Riflessioni conclusive in tema di efficacia della conciliazione con particolare riguardo al regime della disponibilità negoziale dei beni conciliati.

 

Mario Trimarchi

La proprietà italo-europea

Sommario: 1. La dimensione europea della proprietà. – 2. Competenze ordinamentali e criterio gerarchico in materia proprietaria. – 3. L’integrazione tra diritto interno e diritto europeo della proprietà. – 4. Il sistema della proprietà tra complessità e aporie. – 5. La proprietà come diritto fondamentale conformato a tutela di interessi generali. – 6. Gli statuti proprietari ed il problema dell’oggetto del diritto. – 7. Profili conclusivi: dalle proprietà alla proprietà.

 

Giovanni Bonilini

Sul riconoscimento di diritti reali

 

Giuseppe Valente

Patto commissorio e pegno nel diritto tedesco: Verfallvereinbarung und Pfandrecht

Sommario: 1. Il diritto del creditore pignoratizio. – 2. La struttura dell’accordo commissorio di cui al § 1229 BGB. – 3. Il fondamento giuridico della nullità del patto commissorio tipico. – 4. La qualificazione giuridica del patto commissorio atipico. – 5. Segue. La nullità del patto commissorio atipico tra contrarietà al buon costume ed usura. – 6. La possibile garanzia di un credito scaduto. – 7. Il rapporto tra la nullità del patto commissorio tipico e la nullità della costituzione del pegno. – 8. L’applicabilità analogica del divieto del patto commissorio alle alienazioni a scopo di garanzia. – 9. Segue. L’analisi di alcuni casi particolari. Conclusioni.

 

Carlo Granelli

Diritti reali tra innovazione e continuità

 

Oberdan Tommaso Scozzafava

Del regolamento di confini e dell’apposizione di termini

Sommario: 1. Introduzione. – 2. L’azione di regolamento dei confini. – 3. La legittimazione. – 4. L’onere della prova. – 5. Regolamento dei confini ed estensione verticale della proprietà. – 6. Azione di regolamento dei confini e azione negatoria. – 7. L’azione di regolamento dei confini.

 

Giovanni D'Amico

Le ragioni di un convegno

Sommario: 1. Premessa. – 2. Le questioni da affrontare in un convegno su “Proprietà e diritto europeo”: a) quale spazio per una disciplina “europea” della proprietà? ‒ 3. (Segue): b) l’ambito di applicazione dell’art. 17 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. ‒ 4. (Segue): c) art. 17 CDFUE e art. 42 Cost. (una distanza veramente radicale e incolmabile?).

 

Salvatore Mazzamuto

La reforma del condominio en Italia

 

Luca Nivarra

I beni comuni uni e trini ed il capitalismo proprietario

 

Salvatore Mazzamuto

La tutela dei terzi di buona fede nella confisca antimafia: le ultime novità legislative e giurisprudenziali

Sommario: 1. La tutela dei terzi di buona fede sui beni oggetto della misura di prevenzione e l’interesse dello Stato confiscante. – 2. Le ipotesi di conflitto e le soluzioni proposte dal codice antimafia. – 2.1. Intestazione formale del bene in capo al terzo e disponibilità effettiva del prevenuto. – 2.2. Diritti reali e personali di godimento sui beni oggetto di confisca. – 2.3. La tutela dei creditori chirografari del prevenuto. – 2.4. La confisca nel caso di morte dell’indiziato di mafia. – 3. La tutela dei terzi successivamente al provvedimento di confisca. – 3.1. Le novità contenute nella legge di stabilità per il 2013 e le loro implicazioni di ordine sistematico. – 4. I rapporti tra confisca e ipoteca alla luce di Cass. Civ. S.U., 7 maggio 2013, n. 10532 e i dubbi di legittimità costituzionale

Silvia Nonna

La Crisis Ambiental

Sumario: 1. Ambiente. – 1.1. Crisis Ambiental. – 1.2. Problemas ambientales globales. – 1.3.¿Qué podemos hacer?. - 2. Política Ambiental. – 2.1. Principios Ambientales en el Derecho Internacional. -  2.2. Herramientas, instrumentos de la Política Ambiental. – 3. Derecho Ambiental. – 3.1. Derecho Ambiental Internacional. Etapas. – 3.2. Derecho Ambiental Sostenible. - 4. Responsabilidad social empresaria. – 4.1. A nivel interno. – 4.2. Hacia lo externo. – 5. Producción Limpia.

Francesca Di Lella

Logica del profitto e dimensione etica nella disciplina della proprietà industriale sulle invenzioni biotecnologiche

 

Sommario: 1. La peculiarità della materia da regolare. – 2. La genesi della disciplina e il suo inquadramento nel Codice della proprietà industriale. – 3. I profili privatistici. Le norme relative alle invenzioni che hanno ad oggetto o utilizzano materiale biologico di provenienza umana. – 4. (Segue) Il ruolo del consenso -al prelievo e all’utilizzazione- della persona da cui proviene il campione biologico adoperato per l’invenzione e le sanzioni previste per l’ipotesi di sua mancanza. – 5. Il caso Brϋstle c/Greenpeace e la decisione della Corte di giustizia UE del 18 ottobre 2011 (causa C-34/2010). – 6. (Segue) I possibili (indiretti) riflessi della decisione sul dibattito attualmente in corso nel nostro Paese circa il destino degli embrioni cd. soprannumerari.