JUS CIVILE
Rivista a cura di Rosalba Alessi, Carmelita Camardi, Massimo Confortini, Carlo Granelli, Mario Trimarchi
home

Laura Miccoli

Tra public and private enforcement: il valore probatorio dei provvedimenti dell’AGCM alla luce della nuova direttiva 104/14 e del D.lgs. 3/2017

Sommario: 1. Alcune premesse metodologiche. – 2. La necessità del cambiamento: alcuni casi pratici. 2.1. Il caso SKY c. Conto TV S.R.L: la netta differenza tra l’attività pubblicistica dell’AGCM e le finalità privatistiche del giudizio risarcitorio civile. – 2.2. Cartel Damage Claims: verso la convergenza tra public e private enforcement. – 3. Il punto di incontro tra public and private enforcement. L’art. 9 e la disciplina di recepimento, il D.lgs. 3/2017. – 4. Estensibilità delle censure mosse nel caso Grande Stevens al procedimento innanzi all’Agcm. – 5. Possibilità di sanatoria dei vizi riscontrabili nelle sanzioni irrogate dall’AGCM e, in caso contrario, rilevanza ai fini dell’applicabilità dell’art. 7 del D.lgs. 3/17.

 

Federica Girinelli

L’accertamento di una pratica commerciale scorretta: il doppio binario rimediale del public and private enforcement

Sommario: 1. Le pratiche commerciali scorrette. – 1.1 Le pratiche commerciali ingannevoli. – 1.2 Le pratiche commerciali aggressive. – 2. I rimedi di public enforcement. – 3. I rimedi di private enforcement. – 3.1 L’articolo 140 bis Cod. Cons. – 3.2 I rimedi negoziali. – 4. Le prospettive per il futuro: la Direttiva 2014/104/UE. – 5. Conclusioni.

 

Thomas M.J. Möllers

TTIP and Investment Law – A Way Forward?

Sommario: I. Introduction. – II. What is TTIP? – 1. What exactly is TTIP? – 2.TTIP – what is new? – 3. Who are the competent bodies? a) EU; b) Ratification by EU member states; c) USA. – III. Opportunities and Risks. – 1. Opportunities: a) Supporters; b) What are the Benefits? – 2. Risks: a) Opponents; b) What are the risks? – IV. Hazards. – 1. Eroding Standards in Consumer and environmental safety: a) Scope of Application; b) Infringement; c) Justification of Restrictions; d) Principle of Proportionality. – 2. Procurement. – 3. Investment Protection, especially ISDS: a) What is arbitration and how is it designed in TTIP? b) Major Criticisms of ISDS; aa) Chill effect; bb) Lack of Transparency; c) Why is arbitration necessary? d) What are the advantages of an ISDS system? e) Are investment rules still contemporary? – V. Does TTIP still stand a chance? – TTIP light.

 

Antonio Fici

Funzione e modelli di disciplina dell’impresa sociale in prospettiva comparata

Sommario: 1. Introduzione. – 2. L’imprescindibile funzione identitaria della disciplina sull’impresa sociale. – 3. Modelli di disciplina dell’impresa sociale. – 3.1. Lo scopo di interesse generale o della comunità. – 3.2. Il divieto di distribuzione degli utili. – 3.3. L’attività di utilità sociale. – 4. Proprietà e controllo dell’impresa sociale. – 4.1. L’impresa sociale in forma di cooperativa. – 4.2. L’impresa sociale in forma di società di capitali. – 4.3. La neutralità delle forme giuridiche per la qualifica di impresa sociale. – 5. L’impresa sociale nel progetto di riforma del terzo settore italiano. – 6. Conclusioni.

 

Valeria Confortini

Between Strategic Use and Abuse of Insolvency Law: Shareholders’ Rights and Corporate Reorganisations under German Insolvenzordnung and Italian Insolvency Law

Sommario: 1. Introduction. – 2. Reorganisation by conservation and by novation. Corporate Assets and Corporate Shareholdings. – 3. Shareholders’ Treatment within Reorganisation Scenarios: Exclusive v. Inclusive Models. – 4. Insolvenzordnung and the Inclusive Model. The Suhrkamp-Verlag case: between strategic use and abuse of Insolvenzplan. – 5. Obstruktionverbot and Shareholders’ Areas of Interest. – 6. Chapter XI and Constitutional Law. – 7. Conclusions.

 

Andrea Zoppini

Emersione della crisi e interesse sociale - spunti dalla teoria dell’emerging insolvency -

Sommario:  1. L’emersione dell’insolvenza: i problemi. – 2. Il superamento della diade continuità/discontinuità. – 3. Il ‘crepuscolo’ dell’attività d’impresa. – 4. I doveri sottesi alla predisposizione di un modello di amministrazione e controllo dell’impresa. – 5. I doveri fiduciari degli amministratori. – 6. La tutela dell’interesse dei creditori nell’impresa in crisi. – 7. Implicazioni con riguardo all’interesse sociale dell’impresa in crisi. – 8. Il modello di utilità Kaldor-Hicks. – 9. Corollari della tesi argomentata. – 10. L’aggravamento dell’insolvenza.

 

Maurizio Bianchini

Private e public antitrust enforcement nell’ambito dei servizi di interesse economico generale (a proposito della “Poliedrica” nozione di impresa)

Sommario:  1. Introduzione. – 2. I servizi di interesse economico generale (“SIEG”): le fonti comunitarie e nazionali. – 3. (segue) Le tematiche di fondo sottese ai SIEG e il metodo dialogico adottato nella presente analisi. – 4. Cenni ai fatti relativi alle decisioni esaminate. – 4.1. Il caso “COBAT”. – 4.2. Il caso dell’Agenzia del Territorio (c.d. “visuristi”). – 5. La qualificazione del COBAT e dell’Agenzia del Territorio quali imprese alla stregua del diritto antitrust e l’individuazione del rispettivo mercato rilevante. – 5.1. Rilievi preliminari intorno alla nozione di impresa. – 5.2. Impresa e mercato nel caso “COBAT”. – 5.3. Impresa e mercato nel caso “visuristi”. – 6. Le condotte anticoncorrenziali e l’applicazione del principio di proporzionalità rispetto alle finalità di interesse generale e alle relative modalità di attuazione del servizio. – 6.1. Osservazioni preliminari. – 6.2. Il caso “COBAT”. – 6.3. Il caso “visuristi”. – 6.4. (segue) Essential facility doctrine e separazione societaria: glosse intorno al particolare regime nazionale. – 7. Considerazioni finali.

 

Thomas M.J. Möllers - Bernhard Pregler

Civil Law Enforcement And Collective Redress In Economic Law. A comparison between collective redress actions in competition, antitrust, company and capital markets law

Summary: I. Introduction. - 1. European Developments of Collective Redress. a) Enforcement in the United States and Germany. b) Collective Redress in Germany: Experiences with the Act on Exemplary Proceedings in Capital Market Disputes. c) mergence of professional litigation businesses after the Courage/Crehan judgment by the ECJ. - 2. Regulatory Goals of various Collective Redresses. - II. Access to Information as the essential Basis of Civil Law Enforcement. - 1. US-American Pre-Trial Discovery. - 2. Drawing on Public Investigation Results for Follow-on Actions in Competition Law. a) Decision Publication in German and European Antitrust Law. b) The Claim for Access to Commission Documents in the Course of Follow-on Actions, based on Regulation 1049/2001. c) Binding Implications of Antitrust Decisions for Competition Agencies . d) The Suspending Effects of Pending Antitrust Actions on Legal Limitation. - 3.   Inclusion of Experts in Appraisal Proceedings. - 4.  The Information Access Act and the Controversial Access to the Federal Financial Supervision Authority’s internal Information and Investigation Results. a) Public Availability of Decisions in the Supervision Authority’s Annual Report. b) The Investor’s Burden of Proof and sec. 1 Information Access Act’s Insufficient Right to Information. c) The Publication of BaFin Measures as a de lege ferenda Source of Information for Impaired Investors. c1) The Objection of Trusting Cooperation. c2) Shaming Precepts according to sec. 40b Securities Trading Act. - 5. Interim Conclusion. a) Dual Remedy and the Engagement of Experts as Success Factors of Collective Redress. b) Eliminating the Short Limitation Period of Sec. 37b, c WpHG and Limitation Suspension for the Duration of BaFin Investigations. - III. Financial Incentive Mechanisms for Raising a Claim. - 1. Free-Rider Behavior and US-American Law. a) The Free-Rider Problem. b)   Cost-Bearing According to the American Rule. c)   The Common Fund Financing Attorney and Procedural Fees. - 2.  Lack of Incentive Mechanisms in German Competition Law. a)  Skimming-off of Profits Benefitting Public Funds. b) The Syndicates’ Lack of Financial Shares of Skimming Claims according to sec. 10 Unfair Competition Act (UWG). c) Economic Incentives for Syndicates in Antitrust Law. - 3. Burdening the Defendant with Procedural Fees. - 4. Lack of Financial Incentives in the Act on Exemplary Proceedings in Capital Market Disputes. a)   Introduction of an Additional Fee by the KapMuG Amendment. b) Contingency Fees de lege lata. c) Contingency Fee as a Good Alternative to the Proposed Increase of Legal Fees. - 5. Interim Conclusion: Contingency Fee versus Fee Bearing. - IV. Standing. - 1.  Individual Standing as Non-negotiable Requirement in US Class Actions. - 2. Follow-on and Syndicate Actions as Special Features of Competition Law. a) Increase of Private Damages Suits in Antitrust Law as a Result of the Courage/Crehan Judgment. b) Underfinancing of Syndicates for Legal Remedies in Competition Law. - 3. The Common Agent as Representative in Appraisal Procedures. - 4. Introducing “Simple Participation” in Capital Markets Law de lege ferenda. - 5.  Interim Conclusion. - V. Concluding Remarks.

Massimo Confortini

Informazione e diritti dei soci: la responsabilità civile della società.

Sommario: 1. L’informazione come mezzo per promuovere un avvicinamento del mercato reale al mercato ideale. - 2. Divagazioni sul concetto d’informazione. La violazione del dovere d’informare. 3. - Il soggetto responsabile. 4. - Responsabilità dell’amministratore per contatto sociale?. - 5. Epilogo.

Giuseppe Grisi

Rapporto di consumo e pratiche commerciali

Sommario: 1. Premessa. – 2. Le pratiche commerciali: il baricentro è il mercato. – 3. La disciplina delle pratiche commerciali è disciplina dell’attività. – 4. La tutela dei consumatori. Pratiche commerciali e contratto del consumatore.

Alejandro Laje

La respuesta del derecho a la crisis económica

Sumario: 1. Introducción. – 2. La crisis en la persona. – 3. Institutos del derecho en caso de excepción y crisis. – 4. Elementos comunes de la respuesta del derecho ante la crisis. – 5. Igualdad y seguridad. – 6. Prosperidad. – 7. Conclusión

Valeria Confortini

Fattibilità del concordato e struttura dell’atto.

Sommario: 1. Fattibilità del concordato e poteri del giudice. I contrastanti orientamenti della Cassazione. La rimessione alle Sezioni Unite – 2. La fattibilità del piano come requisito di struttura del concordato, perché inclusa nel concetto di possibilità o perché autonomo e ulteriore requisito dell’oggetto. Critica – 3. Oggetto del concordato e rilevanza giuridica dell’indicazione della percentuale di soddisfazione dei creditori. Atipicità del contenuto della proposta – 4. Indicazione della percentuale di soddisfazione nel concordato con cessione integrale dei beni ai creditori. La disciplina della risoluzione. – 5. (segue) Il concordato con indicazione della percentuale di soddisfazione non assistita da garanzia – 6. (segue) Il concordato ‘a percentuale’. L’assenza di un contenuto minimo della proposta di concordato. – 7. Centralità del rischio e rilevanza giuridica del giudizio di fattibilità. – 8. La funzione informativa e il consenso ‘amministrato’. – 9. Il vizio del consenso tra l’approvazione e l’omologazione. L’obbligo del commissario giudiziale di comunicare ai creditori eventuali variazioni delle condizioni di fattibilità e modifica del voto. Poteri del Tribunale. 10. (segue) Invalidità del concordato omologato. – 11. Il giudizio di fattibilità come misura della gravità dell’inadempimento in sede di risoluzione.

Carlo Granelli

Il recesso dalle società lucrative di capitali a dieci anni dalla riforma.

Sommario: 1. Il recesso del socio dalle società di capitali: dal quadro normativo delineato dal codice del ’42 a quello emergente dalla riforma del 2003. − 2. La dottrina di fronte al mutato quadro normativo: in particolare, l’atteggiamento assunto con riferimento alla possibilità, per l’autonomia statutaria, di prevedere cause di recesso diverse ed ulteriori rispetto a quelle contemplate ex lege. − 3. Le aperture della dottrina di estrazione notarile. − 4. Le resistenze della dottrina di estrazione accademica. − 5. Le (non condivisibili) ragioni di fondo sottese all’atteggiamento della dottrina accademica: le difficoltà ad emanciparsi dalle suggestioni esercitate dell’originario sistema codicistico. − 6. Sulla pretesa necessità che le clausole statutarie di recesso predeterminino specificamente le cause che lo legittimano (e sulla conseguente pretesa inammissibilità di clausole statutarie che consentano il recesso ad nutum e/o per “giusta causa”): critica. − 7. Sui limiti che l’autonomia statutaria incontrerebbe nel prevedere ipotesi convenzionali di recesso pur ancorate a presupposti specifici e predeterminati.